La mostra è in corso fino al 2 novembre 2015

31 Luglio 2015

Pompei e l’Europa. 1748-1943, la mostra voluta dal Soprintendente per Pompei, Ercolano e Stabia Massimo Osanna, si snoda in un duplice itinerario, al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e in contemporanea all’Anfiteatro di Pompei, e si affianca per importanza e prestigio al programma di eventi previsti per Expo Milano 2015.

Una mostra che evoca la storia della città vesuviana, inesauribile fonte d’ispirazione, in un costante confronto tra il versante delle arti e quello degli scavi; un dialogo fra archeologi, storici dell’arte, dell’architettura e della letteratura, tutti chiamati a raccontare la vicenda unica della riscoperta di Pompei.

Promossa dalla Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia e dalla Direzione Generale del Grande Progetto Pompei, con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la rassegna - organizzata da Electa e il cui allestimento è affidato a Francesco Venezia - si articola come un vero e proprio viaggio, grandioso e complesso, in cui l’antico dialoga con il moderno, la natura con le arti e l’archeologia.

a cura di:

Massimo Osanna, Maria Teresa Caracciolo, Luigi Gallo
mostra a Napoli, MANN - Pompei e l'Europa, 1748-1943

Massimo Osanna, Adele Lagi
mostra a Pompei, Anfiteatro - Pompei e l'Europa. Rapiti alla morte. I calchi

Massimo Osanna, Ernesto De Carolis, Grete Stefani
mostra a Pompei, Anfiteatro - Pompei e l'Europa. La fotografia

 

top
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Informativa