IL PERCORSO

 

1748–1943 Nella lunga vicenda del sito, la “fortuna” di Pompei viene inquadrata nell’arco cronologico che va dall’anno della sua scoperta al disastroso bombardamento degli Alleati. 


Il percorso della mostra è incentrato sul dialogo tra i lavori di scavo, la loro conoscenza e diffusione, e gli effetti da essi esercitati sulla produzione artistica europea. Opere ritrovate sul sito di Pompei sono avvicinate ad altre create in Italia, Francia, Inghilterra, Germania, Scandinavia, dalla fine del Settecento alla metà del Novecento. Le vicende di Pompei in letteratura, nel teatro, nella musica e nell’arte costituiscono il versante complementare ai lavori degli antiquari e degli architetti sette e ottocenteschi come degli archeologi moderni, direttori e autori di scavi.
La mostra si propone di evocare la storia della città vesuviana proprio tra questi due versanti, che esercitarono l’uno sull’altro un costante e vicendevole influsso.

Il percorso al Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Il percorso all'Anfiteatro, Scavi di Pompei

 

top
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Informativa